PHOTO 8

Ho sposato sin da bambina quella razionalissima scuola di pensiero secondo cui ad ogni azione debba per forza corrisponde una reazione. Ragion per cui mi sono sempre sforzata di cercare, nel corso del mio cammino, dei validi perchè.

Obiettivi finali che fossero misurabili, visibili. Talvolta toccabili.

Capirete quindi quanto improbabile possa essere stata la mia reazione all’imperativo “da oggi in poi utilizzerò solo la bicicletta per i miei spostamenti!”.

“ma che s’è fumato di preciso?”

credo sia stato il primo pensiero di forma compiuta che ha attraversato la mia povera testa

foto

La verità è che spesso, più che il fine ultimo, ciò che veramente conta è il PERCORSO intermedio. Quel cammino lungo e costante che ci porta ad incontrare il mondo. E l’umanità che lo popola.

Non è il traguardo finale a fare la differenza ma quegli step, interessanti e talvolta complicati,  che viviamo dal punto di “start” in poi.

Credo sia una questione di PASSIONE.  

Quella che, nel caso specifico, ti fa salire su una bicicletta gialla con il solo desiderio di raggiungere un luogo che si trova a circa 70 miglia di distanza (più o meno115Km).

PHOTO 7 (1)

E’ il percorso che separa LONDRA da CAMBRIDGE, lungo una sequenza di piccoli villaggi e natura incontaminata.

Non serve molto per vivere un’esperienza del genere. E’ sufficiente un po’ di allenamento (neppure troppo se considerate che anche la sottriscritta riesce a pedalare per 80km – con training gionaliero pari allo ZERO ASSOLUTO), una piccola tenda (di quelle che le butti lì e si automontano),  curiosità e spirito di avventura. Quello che ti porta ad adattarti e ad essere realmente flessibile. A cambiare il tuo percorso, se necessario.

matrimonio

C’è qualcosa di profondamente affascinante nell’osservare la natura che ti scorre accanto silenziosamente. Mentre tu pedali al ritmo del tuo respiro. E dei tuoi pensieri.

Lungo le strade della  Tasmania ci sono moltissimi cartelli che recitano “expect the unexpected”.

Voi come definireste la celebrazione di un matrimonio lungo un canale? Nel cuore della campagna inglese?

P1240905

Ecco alcuni piccoli dettagli sul percorso:

  • Partenza – da Londra alle 9.30 am (esattamente da “Limehouse”, zona Canary Wharf)
  • Itinerario – la prima parte del percorso (circa 3 ore di cammino) è stata fatta lungo il river “Lea”  e “River Stort”
  • Costi sostenuti per il pranzo – baguette imbottita di energetico cioccolato fondente al costo di 2 pounds ( il tutto acquistato da Waitrose, nota catena di supermercati britannica, nella zona di Stortford)
  • Arrivo – a Cambridge alle 18 circa, giusto il tempo di montare la tenda (15 minuti) e cercare una pub per la birra di rito (costo: circa 4 pounds)
  • Costi sostenuti per la cena – 6 pounds per una cena pakistana in una student cafeteria (a base di agnello e naan – tipico pane imbottito indiano super yummy!!)

Non credete alla storia che per viaggiare servono tanti soldi.

Prima che con la pecunia, il viaggio si prepara con la testa.

Con la voglia di esplorare e conoscere ciò che ci circonda.

Il VIAGGIO, quello vero, è uno stato della mente, non del portafoglio.

P1240812

Ecco la faccia intelligente di The Dux, colui che ha sperimantato questa bellissima #microadventure

Che non sia solo la prima di tante altre?

Chi puo’ dirlo!