tt

***** CIO’ CHE TUTTI VORREMMO SCRIVERE ***** 

“Ciao, grazie di avermi scritto (soprattutto se l’hai fatto per parlarmi di hobby e viaggi), sarò in ferie fino al GG/MM/AAAA (quindi non te fa veni’ in testa strane idee de chiamarmi).

Per cose poco urgenti, ti chiederei di aspettare il mio rientro (che tanto – chicco – se pure ma scrivi/telefoni prima ‘nte rispondo comunque: facciamocene tutti na ragione! Ok?)

Per eventi estremamente importanti (tipo ‘fame nel mondo’, ‘pestilenze’ e ‘naufragi imprevisti’) contatta pure NOME + COGNOME (del povero collega sfigato che ‘presidia’/se becca il PADULO, mentre tu stai in ferie a sfondarti di mojito, decorata di vestitini di pizzo bianco candido e abbronzatura. Che poi no, detto tra noi e in estrema franchezza, ma che ce sarà di così TROPPO importante da presidiare ad agosto – nella normalmente immobile ITALIA – dove NON SUCCEDE NIENTE da più o meno 20anni?), altrimenti contattami pure al numero XXXXXXXX (numero – volutamente – sbagliato/inesistente).    

Ti ricontatterò, prima possibile (#credici), al mio rientro.

(Sottotitoli. Se leggi questa mail automatica, in stato di depressione, al rientro dalle tue vacanze: BE’ SCUSA DAVVERO, SAPPI CHE TI SONO VICINO. Ma chi ti scrive, ha evidentemente buttato giù queste quattro riga prive di senso, offuscato dalla stanchezza di 7 mesi lavorativi, qualche secondo prima dell’agognato shutdown del pc (e forse con gia’ un cappello di paglia in testa). Abbi pietà quindi e non te la prendere. Se, invece, leggi fieramente dal tuo Smatrphone la notte del 15 Agosto – invece di ‘mbriacarti di vino bianco gelido, sesso sfrenato, vita abbagliante e allegria – bè STACCI CICCIO: te la sei meritata tutta! E non ti lamentare) ”

***** CIO’ CHE INVECE SCRIVIAMO ***** 

“Ciao, sono in ferie . Rientrerò in ufficio il  GG/MM/AAAA.

Per urgenze, contattami pure al numero YYYXXXXX (numero corretto)

Grazie”

– mail automatica che ci scende giù così: come un OVO SODO –