Immagine

Roma, 7 Febbraio 2014

Sono fermamente convinta che i posti, cosi’ come gli amici, non si scelgono mai per una sola ragione.

Sono mille i motivi che, mescolati insieme, ci portano a ritenere qualcosa o qualcuno “adatto” a noi. Ai nostri gusti. Alle nostre esigenze.

Sono ormai anni che mi siedo su quelle panche di legno consumato e liscio che, a primavera, cominciano lentamente a seccarsi con la temperatura che aumenta.

Se chiudo gli occhi, vedo The Dux che sfoglia il giornale di sabato mattina.

Quattro vecchietti che parlano instancabilmente di rivoluzioni mai fatte e che continuano *comunque* a non rassegnarsi a quella che loro definiscono “la decadenza dei tempi moderni”.

Vedo giovani alternativi con la montatura degli occhiali rigorosamente scura e i pantaloni striminsiti con il risvolto, che si fanno accompagnare da cani scuri, di grandi dimensioni, che non abbaiano mai.

Vedo comitive di donne sulla 50ina che hanno detto un deciso “NO GRAZIE” alla tinta ai capelli.

E coppie di tutte le eta’ che si fermano rilassate sotto quel grande albero a bere qualcosa.

Un latte caldo la mattina. Un bicchiere di vino a pranzo. Un tea nel pomeriggio. Una cioccolata calda nei pomeriggi invernali. Una birra ghiacciata al tramonto, nelle domeniche d’estate.

Ora che ci penso. Ma quanto sono belli i cieli di Roma in quelle giornate di fine estare, quando il caldo inzia ad essere meno torrido e non c’e’ l’ombra di una nuvola all’orizzonte?

Il Bar Necci e’ lo storico bar di Pier Paolo Pasolini, che senza saperlo e volerlo e’ stato IL VERO PROGRESSISTA di un quartiere, la cui anima sarebbe esplosa *nel bene e nel male* da li a poco.

Era il “Pigneto” ante litteram.

Per chi lo frequenta assiduamente, NECCI smette quindi di essere solo un bar o un bistro.

Che poi, come potrebbe esserlo, del resto, con tutta la storia stratificata che le sue mura continuano a raccontarci?

Ed e’ cosi’ che da asettico luogo commerciale, quel giardino e quell’arredamento anni 50 diventano un luogo di incontro. Di idee. Di confronto. E di sperimentazione di nuovi artisti, nei week end estivi.

Un posto privilegiato in cui sedersi e rubare del tempo alla quotidianita’.

Un posto in cui predersi cura di se’.

Il bar Necci, nell’ultimo mese, e’ stato il prolungamento di casa mia.

La sua gente mi ha tenuto compagnia con molta discrezione. Ci siamo vicendevolmente rispettati.

Siamo stati vicini senza mai diventare invadenti.

Ho sorseggiato, incoerentemente, tisane disintossicanti accompagnate da Cheescake ipercaloriche.

Ho imbrattato i libri che stavo leggendo con le impronte di pizza appena sfornata.

Ho scritto fogli di carta, mangiando bagel.

E mangiato cornetti burrosi, digitando rumorosamente caratteri alla tastiera del mio tablet.

Se chiudo gli occhi, sono ancora qui, ed e’ la sera del 24 Settembre 2009.

E’ la notte prima del nostro “SI, LO VOGLIO”.

E, il giorno dopo, The Dux mi avrebbe aspettata in un Gianicolo colorato d’oro.

Immagine

 Il Bar Necci e’ tanti ricordi bellissimi.

E’ quell’atmosfera ovattata del “tutto puo’ accadere” che solo in certe fasi della vita sei disposto a provare.

Immagine

E’ si un luogo di idee, ma e’ anche il posto giusto per chi, come me, e’ goloso di torte e dolci che sembrano fatti in casa.

E’ il paradiso di chi ama cominciare le sue diete fittizie in un lunedi’ futuro… senza sapere bene quando!

ImmagineUno dei BOSS di questo luogo pazzo, oggi, mentre mi ostinavo a scattare foto e inforchettare grassi saturi, con una calma serafica mi ha guardato, sorriso e ha pronunciato la parola piu’ easy del mondo… “HELLO!”.

Immagine

Questo e’ un omaggio ad un luogo che ha carattere e sensibilita’. Che mi apre le sue porte da sempre.

Che mi fa godere di una atmosfera intellettualmente stimolante, anche solo spendendo meno di 1euro *per una buonissima tazza di caffe’*. Ci sono tanti posti a cui sono legata, ma il Bar Necci e’ sicuramente il mio preferito.

E’ parte di un ieri indimenticabile, ma anche e soprattutto di un presente consapevole.

Buona notte.

Kisses

Antonia

 **** IL POST CHE HAI APPENA LETTO NON E’ SPONSORIZZATO ****

**** SE PENSI CHE I CONTENUTI DI QUESTO SITO SIANO INTERESSANTI, CONDIVIDILI SUI TUOI SOCIAL ****