Immagine

Brisbane, 19 Agosto 2013

Se chiudo gli occhi sono ad una festa in spiaggia a Fregene. Mangio pizza calda fumante e bevo birra ghiacciata. Sono con Lui, che per ora e’ solo un collega. Ma so che da li a poco non sara’ piu’ solo questo. Non mi ha ancora baciata, ma sono certa che lo fara’. Mi sento felice.

Se chiudo gli occhi e’ una notte d’estate. Siamo in moto dentro una Roma deserta. Condividendo un Ipod che suona “Because the night”. Ci teniamo stretti. Sento l’aria tiepida scivolare sul mio viso. E penso che non esista altro posto al mondo in cui vorrei essere.

Se chiudo gli occhi mi sveglio alle 6 di mattina nel rifugio Capanna Fassa. Sono sulle Dolomiti a piu’ di 3150 metri d’altezza. Fa freddo. E di fronte a me la Marmolada che ho scalato il giorno prima. Ho dolore alle gambe ma energia nella mente.

Se chiudo gli occhi e’ mattina presto. E compro pesce fresco a Lampedusa. Desidero una granita alle fragole e una brioche calda per colazione.

Se chiudo gli occhi sono al Pigneto. Al quinto piano, senza ascensore, di un 30m^2 soppalacati. Ritaglio i nostri nomi su carta colorata e li appiccico ad una trave di legno.

Se chiudo gli occhi mangio cinese da “Sonia” il nostro ristorante preferito. A pochi metri da Santa Maria Maggiore. Ordino tante portate e aspetto di leggere il messaggio del giorno nel mio Biscotto della Fortuna. Mi sento bambina.

Se chiudo gli occhi sono a Piazza San Giovanni. In mezzo alla folla, alla musica, ad aspettative e tanti sogni. Sono giovane e sento di avere tutta la vita davanti.

Se chiudo gli occhi sono a Barcellona. Cammino spensierata per la Rambla e annuso tutti i profumi che vengono fuori dalla Boqueria. E’ San Valentino. Ed e’ il nostro primo viaggio all’estero insieme.

Se chiudo gli occhi sono a Malta. Sono in uno di quei bus anni ’50 che invadono l’isola. Fa caldo. Ho un ventaglio celeste con fiori pink. E un vestitino di tulle nero a balze. Mi sento bella. L’odore del mare entra dai finestrini. E le luci del porto de La Valletta rendono tutto terribilmente perfetto.

Se chiudo gli occhi e’ il 25 Settembre del 2009. Sono sul Gianicolo. Con una Roma colorata d’oro. Indosso un paio di scarpe rosse. E tengo in mano 90 rose acconciate dello stesso colore. Sono nervosa. Ho paura. Ma Lui e’ li ad aspettarmi.

Se chiudo gli occhi sono a Kho Samui. Mangio frutta fresca in spiaggia e guardo innamorata la spiaggia bianca che mi circonda. E penso a quanto sia cristallino il mare di fronte a me.

Se chiudo gli occhi, mi affaccio incredula dal mio nuovo ufficio alla stazione termini. Conosco Lei, l’amica/collega dai capelli rossi. Dalla nostra finestra vediamo Piazza dei 500. Spendiamo le nostre pause pranzo mangiando il gelato da I Caruso in via XX Settembre. O passeggiando tra le vie storte di Rione Monti. Tutto mi sembra improvvisamente piu’ bello e meno faticoso.

Se chiudo gli occhi e’ domenica, e noi siamo li’ … a progettare itinerari di viaggi indimenticabili. A scrivere pagine bianche della nostra vita insieme.

Se chiudo gli occhi sono su un terrazzo al mare al tramonto. E’ estate. Bevo vino ghiacciato e sono quasi ubriaca.

Se chiudo gli occhi vedo le nostre facce appiccicate su cartoline intorno al mondo. Vedo lui che corre sulla Grande Muraglia perche’ vuole arrivare lontano. Vedo me che mi innamoro della Monument Valley. E vedo noi che ci entusiasmiamo di fronte a Zabriskie Point.

Se chiudo gli occhi mangio crepe’ ai 4 formaggi in giro per il quartiere Marais a Parigi, vado alla ricerca della Tapas piu’ buona di Siviglia, sto su una ruota panoramica a Berlino e cerco di accalappiarmi una buona offerta per quel musical che vorrei tanto vedere con Lui a Londra.

Se chiudo gli occhi nevica. E noi siamo a Stoccolma. Ed e’ quasi Natale.

Se chiudo gli occhi sono al mercato delle spezie di Istanbul a scattare foto piene di colori. Corro di notte per le strade di Venezia, alla ricerca dello spritz più economico. Lecco la vetrina di Les Tropeziennes a Saint Tropez con Lui che cerca di farmi rinsavire. Sono in fila a New York per la matinee di Mamma Mia, canticchiando gli ABBA passati dal mio Ipod.

Se chiudo gli occhi vedo Lui che progetta i dettagli di una avventura Australiana che sta per cominciare. Lo vedo entusiasta come mai. E felice di quel che sara’.

Se chiudo gli occhi sono in macchina all’Eur. C’e’ traffico. E Lui mi sta aspettando di fronte al Monumento di Mussolini. Lui indossa pantaloni di velluto viola e ha appena consegnato una lettera di dimissioni. Vorrei volare sulle macchine per raggiungerlo.

Se chiudo gli occhi e’ esattamente un anno fa. E noi siamo appena atterrati a Sydney. Emozionati e spaventati insieme. Ma tanto felici.

Se apro gli occhi, la realtà mi dice che e’ gia’ passato un anno da quel 19 Agosto 2012.

Ma non mi va di aprirli… voglio starmene qui, su questo divano, ancora per un po’ ad occhi chiusi…

Buongiorno Italia

Kisses

Antonia