Immagine

Brisbane, 7 Luglio 2013

Prendete uno specchio. Che sia grande. Grandissimo.

Posizionatelo di fronte a voi orizzontalmente, come se teneste in mano un piatto.

Circondatelo di alberi.

Verdissimi e talmente folti che non e’ possibile guardarci attraverso.

Prendete poi dei pellicani.

E immaginate di farli navigare come dei puntini su questo specchio che, per magia, diventa di acqua.

Seguite con gli occhi questa scia di eleganza.

Una scia chiara e ben visibile.

Un percorso nell’acqua.

State in silenzio.

E ascoltate il rumore costante dell’oceano che si fa spazio aldila’ di quegli alberi.

Fate razzia di aria pulita.

Ah dimenticavo…

Benvenuti a Ballina!

Che fino a venerdi’ consideravo una strana localita’ a pochi km da Byron Bay, nota soltanto ai Moccy’s parents (che pero’ di solito non fanno grande referenza)  e al suo fondatore.

Ma che in questo week end, mi ha colpita … mostrandosi inaspettatamente come un posto bello piu’ che mai.

Sara’ stato questo cielo privo di nuvole, che onestamente non esiste colore artificiale in grado di riprodurlo.

Sara’ questo sole grade e caldo (e probabilmente anche nocivo)che finalmente conferisce un valido perche’ al filtro polaroid  dei miei occhiali.

Sara’ che e’ inverno ma c’e’ caldo come se fosse estate piena.

E che il mio pile blu mi ha solo fatto da telo su un prato incantevole di fronte ad un lago immobile. Un lago incantato.

Sara’ che per colazione ho mangiato marmellata fatta in casa al gusto di arance e cannella  … da leccarsi i baffi. Che la mancanza della Nutella nostrana proprio non l’ho sentita.

Sara’ che in questi giorni mi sono addormentata sotto il sole come un’adolescente.

Sara’ che si … ho trascorso molte ore in solitaria … ma che in realta’ nemmeno per un secondo mi sono sentita sola.

Sara’ che sono stata circondata da coloratissimi Hippy quarantenni con capelli rasta e prole.

Sara’ che sabato mattina mi sono svegliata alle 6.30 am per godere di alcune ore di liberta’ prima della mia “romantica” giornata con Moccy.

E sara’ pure che, alla fine, anche stare col baby non e’ stato niente male!

Ha fatto veramente la brava polpetta. Core de baby sitter.

Sara’ ma tutto mi e’ sembrato tremendamente “perfetto”.

Ogni cosa al posto giusto!

E anche io che prendevo appunti su un taccuino di pelle viola con una penna rosa shocking mi sono sentita parte di quel dipinto pieno di colori.

Perche’ l’Australia e’ prima di tutto natura.

E’ spazi grandi e incontaminati.

L’Australia e’ veramente una boccata d’aria fresca e pulita … in un mondo che purtroppo si sta riempendo di patacche. Che si “sporca” ogni giorno di piu’.

E anche se non e’ il tuo paese, l’Australia ti si appiccica addosso come una seconda pelle.

E questi paesaggi unici e il profumo dell’oceano me li vorrei scolpire in testa per non dimenticarmeli. Come un tatuaggio.

Perche’ forse prima o poi anche qui cambiera’ tutto.

E magari anche questo posto tra qualche anno smettera’ di essere la “Ridente e incontaminata cittadina di Ballina a pochi km da Byron Bay”.

Ma mi piacerebbe che il mio ricordo fosse sempre quello della mattina del 6 Luglio 2013.

Una mattina in cui, in solitaria, passeggiavo spensierata lungo il path che dal lungo fiume di Ballina si affaccia direttamente sull’oceano.

Ripensero’ alla telefonata fatta a The Dux per raccontargli felice cosa stavo facendo.

Dei delfini visti col Moccy al tramonto.

Della marea che si alzava improvvisamente, togliendo spazio alle passeggiate delle persone sul letto del fiume.

E sono certa che mi ricordero’ anche di questo specifico momento.

Di me che scrivo per non dimenticare.

Che poi, e’ proprio vero che la bellezza sta negli occhi di chi guarda.

E che ogni posto puo’ diventare magnifico. Dipende sempre e solo da cosa tu stai cercando.

E forse mai come adesso ne sono consapevole.

Buongiorno Italia

Kisses

Antonia 

PS: mentre io ero in trasferta lavorativa in quel di Ballina, The Dux “lavorava” (si fa per dire …) al 67 piano della torre piu’ alta della Gold Coast per un addio al nubilato … e glisserei qui! Per il suo “evento lavorativo” si e’ portato dietro reflex + camera compatta + videocamera. Ed ecco il perche’ delle mie foto di evidente scarsa qualita’ … scattate con un telefono diciamo “vintange” ….ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine

ImmagineImmagineImmagineImmagineImmagine