Immagine

Brisbane, 5 Maggio 2013

Ve l’ho gia’ detto che vivo in una casa internazionale con soli uomini (se escludo la host)?

E lo sapevate che mediamente oltre a non pulire bene il cesso dove si riforniscono … non sanno nemmeno cucinare un uovo bollito?

E che quando gli Host sono in viaggio, mi aspettano alle 9.30pm attorno al tavolo con la forchetta in mano … tipo barbari primitivi? Con le loro facce che dicono “NOI VOLERE CIBO, HAUG”.

Si, succede anche questo nella Big Brother House!

Almeno succedeva fino ad oggi…

Perche’ dovete sapere che di solito quando prevedo di non essere a casa per l’ora di cena, tiro fuori preventivamente dal congelatore qualche cibo liofilizzato, insano e  precotto, lasciando per iscritto istruzioni del tipo “METTERE IN FORNO, 180 GRADI” … che se non capisci significa che sei un coglione demente.

Ma stamattina … sono uscita serenamente di casa con la mia borsetta fluo e un bel sorrisetto malefico stampato in faccia … senza curarmi minimamente delle loro boccacce da sfamare!

Abbi pazienza coinquilino caro, tu non sei mio fratello!!

Ad ogni modo, punizione perfettamente riuscita.

Cotti a puntino nella loro brodaglia. Rientrata a casa .. li ho trovati a mangiare toast con burro d’arachidi …

Non mi fraintendete, non sono male. Anzi, sono bravi ragazzi. 

Li trovo veramente molto divertenti e mi piace stare con loro.

Ma molte dei ragazzi che vengono qui a studiare, sono ricchissimi.

Vi basti pensare che le rate delle Universita’ Australiane per gli stranieri sono folli (per un  corso di laurea base si arriva a pagare anche 10000$ per semestre \O/).

Quindi, spesso i “signorini” che sbarcano nella terra di OZ, finanziati dai loro Parents, non hanno mai nemmeno provato l’ebbrezza di lavare una tazza da tea.

Beati.

Ho scoperto che alcuni hanno la donna di servizio fissa in casa, che fa tutto al loro posto.

E ho rosicato~! CHE CULO CHE HANNO I MALEDETTI

A volte mi domando cosa si provi ad essere ricchi.

Ricchi tanto da non doversi preoccupare dei soldi.

Vediamo… cosa farei?

  • Forse non mangerei piu’ gli orrendi instant noodles che di solito ingerisco per pranzo? Si, ottima idea. Ho la quasi certezza che potrebbero essere la mia seconda ipotesi di morte, dopo i germi di Moccy.
  • Non vivrei nella Big Brother House, ma avrei una bella casa sul lungo fiume tutta per me e The Dux? Mmmm … forse si ma non sono certa che sarebbe veramente cosa buona e giusta. Quante esperienze mi sarei persa qui in Australia vivendo solo con the Dux? Alla fine anche io sono una cazzona burlona e devo dire che mi adatto benissimo all’ “ambiente di pazzi” in cui mi trovo.
  • E poi sapete che non lo so … forse viaggerei in giro per il mondo?

Ad ogni modo il “problema” non mi riguarda … non credo proprio che dovro’ mai pormi interrogativi simili. Purtroppo …

A proposito di domande, secondo voi ho il diritto di denunciare al telefono azzurro australiano (esiste???) Moccy’s MOM per aver fatto disperare suo figlio per circa 40 minuti?

Ok, la Tizzie Hall e’ un genio … ma se il suo libro dice “METTI TUO FIGLIO A LETTO DA SVEGLIO” … e tu lo fai … ma lui non smette di strillare per 30 minuti …

Vuoi domandarti che cosa sta succedendo nella sua stanzetta degli orrori?

Se prova a strapparsi i capelli che ancora non ha ci sara’ un motivo?

Ho provato a dirle “POSSO CONTROLLARE COSA SUCCEDE?”

E lei, con il suo dolce accento della Germania Est, mi ha risposto – “DON’T WORRY, HE IS NOT STRESSED” (scusate, ma non saprei come tradurlo)…

Cara MOM, sei deficiente?

Cosa dovrebbe fare la polpetta – a soli 7 mesi – per farti capire che c’e’ qualcosa che non va?

Parlare? No cara, tuo figlio non parla … Mi sputa il cibo addosso, si magia il mio mento, ma ancora non parla … emette suoni.

Scriverti una lettera? No cara, non scrive …

Mandarti a cagare? No, forse non potra’ mai farlo purtroppo! Sei sua mamma.

Ad ogni modo, piu’ i giorni passano … piu’ sento che il mio lavoro sta cambiando!

Da babysitter a guardia giurata.   

Il mio task principale e’ impedire che Moccy si uccida.

  • Tipo, sbattendo la testa contro la culla appena sveglio solo perche’ gli piace fare un  balletto esotico. Si, uno strano e indecifrabile movimento di testa a destra e sinistra – ma anche di fronte a volte – visto che non ha ancora un buon equilibrio. Sembra BISCOTTINO di Ally McBeal.
  • Diventando un filo conduttore. Infilando le sue mani nella presa della corrente.
  • Buttandosi giu’ dalle scale con il girello.
  • Mangiando i caricatori dei PC che i suoi genitori lasciano in giro per casa, pur sapendo che la polpetta gattona.
  • Affogando nella vaschetta da bagno anatomica. Moccy e’ un fenomeno, riesce a girarsi su se stesso, sfidando le leggi della fisica.
  • Buttandosi dal fasciatoio quando gli cambio il pannolino.
  • Continuando a mangiare le pappette orrende di sua madre … che non sa cucinare e che si ostina a non volergli comprare gli omogeneizati. Ma, su questo io non posso fare veramente nulla.

Povera polpetta!

Potessi, lo manderei un po’ in Calabria dai miei, per fargli provare l’ebrezza di un brodo vegetale e di un po’ di pesce.

Per fortuna lui e’ forte … saranno i geni e gli anticorpi della sua meta’ indiana.

E chi l’amazza.

Adesso vado, Derrik ha cominciato a scattarmi foto con il suo nuovo Tablet, che a quanto pare gli consente anche di scrivere sotto la faccia della gente.

Per la serie, TRASH E’ BELLO.

Buon giorno Italia

KISSES

Antonia  

Immagine