Immagine

Brisbane, 4 Maggio 2013

Seduta in quel caffe’ pensi alla giornata che ti aspetta. Soprattutto se sono le 7.32 am e la citta’ non si e’ ancora svegliata totalmente.

Tutto dorme.

Sento che la citta’ e’ mia.

E mentre in quella caffetteria suona un pezzo “country” americano, tu – italianissima – cominci a bere il tuo green tea made in Cina.

Il tutto a Brisbane – Queensland – Australia.

La chiamano globalizzazione dei mercati … o qualcosa del genere 🙂

E in questa atmosfera di evidente relax, tu (che sei curiosa) cominci a spiare da quella vetrina … le vite degli altri.

E provi anche ad immaginartele quelle vite… da uno sguardo, da un volto crucciato, da un mezzo sorriso.

  • C’e’ lo studente con i libri in mano, che di sabato mattina vorrebbe fare tutto tranne che studiare.
  • C’e’ Lui, il metropolitano, che se ne va in giro con le sue cuffie alternative.
  • Ci sono loro, il gruppo di amici, visibilmente in abbigliamento da mare (nonostante stamattina ci siano solo 13 gradi) … “che invidia” – pensi tra te e te.
  • C’e’ Lui, lo sportivo a tutti i costi, che corre per mantenersi in forma (… stima profonda … ma come cavolo fai a quest’ora ad essere cosi’ attivo?!)
  • C’e’ Lui, l’anziano, che “cammina” ancora alla ricerca di qualcosa …
  • C’e’ Lei, la bella e dannata, con i suoi capelli rossi che escono dal cappuccio, la sua pelle bianca e la sua sigaretta accesa.
  • C’e’ Lei, la signora age’ vestita di tutto punto, ancora alla ricerca di qualcuno piu’ che di qualcosa.
  • C’e’ Lui che beve per strada il suo caffe’, con i suoi capelli lunghi e scompigniati … che denunciano un passato da motociclista (o surfista … decidete voi :D)
  • C’e’ Lui, l’operaio, che alle 7.30 ha gia’ cominciato a fare “il suo dovere”.
  • Ci sono Loro, i due giovani innamorati che camminano per strada mano per la mano.
  • C’e’ Lui, l’inquietante che si pulisce nervosamente gli occhiali.
  • C’e’ Lei, la giovane e speranzosa viaggiatrice, con il suo zaino verde, la sua canon e i suoi sogni. Avra’ massimo 24 anni.
  • C’e’ Lui, l’anziano nostalgico del passato, con i suoi ray ban d’annata.
  • C’e’ Lei, che si trucca alla fermata dell’autobus (e ci da di mascara e fondotinta)
  • C’e’ Lui, il Santa Claus di Brisbane bello con la sua barba bianca lunga e il suo bastone colorato.
  • C’e’ Lui, il confuso che guarda attonito i bus che passano senza sapere dove andare (che tenerezza, lo capisco).
  • C’e’ Lei, l’intellettuale, con una decina di giornali sotto braccio.
  • C’e’ Lui e il suo cane (che – tra l’altro – gli somiglia pure).

C’e’ LUI, …. Il mio bus 375 CHE STA PER PARTIRE.

E CI SONO IO – LA STONATA – CHE STA PER PERDERLO.

cazzo, cazzo, cazzo, ACCIDENTI!!!!”

Comincio a correre.

“Che culo fortuna, anche per questa mattina e’ andata bene” – penso.

E come ogni mattina di lavoro che si rispetti, il sole splende su Brisbane.

Non c’e’ una nuvola.

Tutto azzurro.

Respiro, continuo a bere il mio tea e incomicio ancora una volta a scrivere.

Mi piace farlo. Sono felice di condividere i miei pensieri e le mie giornate con voi.

E VOI, LETTRICI E LETTORI DI QUESTO BLOG NEONATO, CHI SIETE? 🙂

Buon giorno Italia.

Kisses

Antonia

PS: Alcune delle foto di oggi sono state scattate nella zona di Gordon Park. Una zona residenziale che non ho ancora esplorato. Quest’area, come molte zone di Brisbane in verita’, e’ piena zeppa di case da sogno.

Quelle case che … per una foreign made in Italy come me … sono veramente solo un sogno. E si … perche’ anche gli Italiani all’estero sono extra-comunitari.

Con la sola differenza che l’Australia non ti fa sentire cittadino di serie B … anche se il tuo visto evidentemente lo e’ …

QUESTA E’ LA FERMATA DEL MIO CITY CAT …Immagine

BRISBANE E I SUOI COLORI

Immagine

SIMPATICI ANIMALETTI D’AUSTRALIA (prossimamente faro’ un post con le foto di tutti gli animale “strani” incontratiImmagine

LUCI E OMBRE A BRISBANE

Immagine

ZUCCHERO FILATO

Immagine

IO 🙂

Immagine

LORO … I MIEI PREFERITI

Immagine

UNA CITTA’ COLOR PASTELLO

Immagine

SOUTH BANK

Immagine

IL MIO TACCUINO

Immagine

DI RITORNO A CASA …

Immagine

Immagine

LORO LO CHIAMANO “INVERNO”

Immagine