Immagine

Se hai pronunciato frasi del tipo:

  • “Ti ho mai parlato del mio viaggio a Samarcanda?” oppure …
  • “Ah la metempsicosi” oppure …
  • “Londra ormai e’ morta … per fortuna che c’e’ Berlino” oppure …
  • “Dammi un posto fisso e mi uccidi …” oppure …
  • “Le mie vacanze …? Ah solo a Tel Aviv  …”

ti consiglio di non andare oltre, semplicemente questo blog non fa per te… 🙂

Idem se pensi di trovare tra queste righe lamentele e insulti verso il nostro paese.

Non mi sento la classica radical chic che – una volta all’estero – inizia a sparare sentenze verso chi continua a gestire – a fatica – la propria vita in Italia.

Anzi, ad essere sincera, credo ci sia un non so che di eroico in chi continua a lottare per avere una vita migliore nel nostro paese!

Anche perche’ … diciamocela tutta … on average gli italiani sono un bel popolo … il nostro problema e’ che i peggiori occupano le posizioni piu’ rilevanti!

Ad ogni modo, pochi minuti fa ho sentito squillare il mio telefono italiano: era un messaggio!

“Che e’ successo?” – ho subito pensato … nessuno mi contatta piu’ su quel numero!

“E’ nata la piccola Flavia, che pesa 2,6 kg” … era Roberto!

Gia’ … ho lasciato l’Italia con la mia migliore amica very pragnant! 🙂

Cazzo Accidenti” ho pensato … non posso andare al San Camillo …

Cercare di realizzare i propri desideri, non smettere mai di alimentare i propri sogni … comporta inevitabili sacrifici!

E il prezzo di stare a 16000 km di distanza dalla tua “vita” e’ proprio questo … non puoi prendere il primo aereo che ti riporta a casa … (che poi … quale casa?!)

Tutto deve essere pensato e pianificato!

Stamattina quando ho aperto gli occhi la sveglia segnava le 5.55 am … meledetta luce del Queensland e maledetta insonnia …

Mentre provavo a pianificare la mia giornata, vedendo accanto a me quella “Pink T-Shirt” ricoperta di capelli ricci (lunghi quasi quanto i miei) che lentamente si ricoprono di grigio qua e la’ … pensavo … “per fortuna che c’e’ LUI!”

LUI e il mio MAC: i miei migliori compagni di viaggio!

Intimita’ e connessione con il Mondo.

Opposti ma perfettamente in sintonia.

Una nuova giornata sta per cominciare …

Nuovi volti da osservare, nuove voci da ascoltare, nuovi vocaboli da imparare, nuovi posti da scoprire!

Sono le 9.57 am caro lettore… e fuori c’e’ un sole bellissimo che mi chiama.

Un sole che ti scalda ma non ti disturba! Che ti abbraccia delicatamente, senza violenza. Che non ti toglie l’aria.

Un nuovo giorno mi aspetta!

E quando il cielo e’ colorato di celeste acceso come oggi … senti che un posto nel mondo c’e’ per tutti! Anche per te stai leggendo …

Buongiorno Italia 🙂

Antonia